housework rules!

venerdì 15 aprile 2011


No, vi spiego: non so bene da dove iniziare. La mia idea era quella di inaugurare il blog con le pulizie di Pasqua eco-friendly eco-chic. Ma un dubbio mi attanaglia: cosa ne me faccio dei prodotti da rozzo bifolco che ho comprato qualche mese fa?
È più ecologico usarli (ci sono e da qualche parte in un modo o nell'altro devono finire, nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma, anche la candeggina) o dimenticarmeli e munirmi di quei quattro o cinque ingredienti commestibili, superecologici, a detta di tutti miracolosi? Sì, perché per pulire la casa non servono i prodotti chimici che inquinano e fanno male alle candide manine di noi pulzelle. Due o tre prodotti, olio di gomito e via. Le avrete viste le casalinghe anni 50: vitini da vespa, sorrisi smaglianti, e sotto i golfini color pastello due bicipiti così. Roba che potevano sollevare un frigorifero con un mignolo.
Tra l'altro, se posso già iniziare a distribuire consigli non richiesti, l'aceto. Mio dio, l'aceto. Non sapete che meraviglioso portento avete in casa. L'aceto pulisce, disinfetta, non lascia aloni, sgrassa, elimina il calcare, lucida. Io ho iniziato a usarlo in lavatrice dopo aver scoperto che l'effetto ammorbidente dell'ammorbidente è superficiale. La dura realtà è che esso –l'ammorbidente– crea una pellicola che si appiccica alle fibre e con il passare del tempo le indurisce. Se non l'avete capito, questo è l'esatto contrario di quello che dovrebbe fare. Al contrario il prodigioso aceto ha un'azione molto più profonda e addolcente. Mettetene 4/5 cucchiai nella vaschetta e vi passa la paura. Non lascia odore, non inquina e – miracolo!– funziona. Davvero. Dovete solo lasciargli il tempo di fare il suo mestiere come si deve e dopo qualche lavaggio, quando tutti i residui di ammorbidente saranno scomparsi, noterete la differenza.
Il problema, come dicevo, meglio, i problemi sono quel litro di candeggina usato solo una volta, la confezione di detersivo per i pavimenti giallo bile, l'anticalcare, quella specie di bomba a mano che distrugge le mucose. Buttarli no, lo spreco non è elegante. Che faccio, li regalo alla zia? Alla nonna? Alla mamma? O li finisco? Tra l'altro vista la frequenza con la quale io lavo i pavimenti un litro di detergente potrebbe durarmi fino al prossimo trasloco.
Poi mi è venuta un'idea (un'altra, sono praticamente una fucina): dedicare i miei sforzi di desperate houswife ecologista a una stanza a settimana.
Nel frattempo mi sono procurata per la modica cifra di 30 euro una macchina per cucire anni '70 perfettamente funzionante. E no, non so cucire. Non ancora. Da qualche parte bisogna pur cominciare, no?

Stumble This Fav This With Technorati Add To Del.icio.us Digg This Add To Reddit Add To Facebook Add To Yahoo

1 commenti:

  • giulia

    "Mio dio, l'aceto" sono perfettamente d'accordo!! io l'ho scoperto da poco e sono rimasta sbalordita!!
    complimenti per il blog, l'ho trovato oggi e l'ho letto tutto. mi piace come scrivi. ti seguo! ciao :)

  • Posta un commento

    Free Website templateswww.seodesign.usFree Flash TemplatesRiad In FezFree joomla templatesAgence Web MarocMusic Videos OnlineFree Wordpress Themeswww.freethemes4all.comFree Blog TemplatesLast NewsFree CMS TemplatesFree CSS TemplatesSoccer Videos OnlineFree Wordpress ThemesFree CSS Templates Dreamweaver